SEI IN : BIB/DOC AREA STAMPA > Archivio articoli
ARCHIVIO ARTICOLI
Pubblicazione : 25/06/2014
Diritti dell’infanzia: Italia lontana dagli obiettivi europei
È stato recentemente pubblicato il settimo Rapporto di monitoraggio della Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza (Convention on the Rights of the Child-CRC).

Dal Rapporto, elaborato da un network di 87 soggetti del Terzo Settore attivi nel settore della promozione e tutela dei diritti dell'infanzia e emerge che la difficoltà principale consiste nel  mettere a sistema le politiche per l'infanzia e l'adolescenza nel nostro Paese; si è inoltre assistito ad una progressiva e costante diminuzione delle risorse destinate alle politiche sociali nel corso degli anni. Il Rapporto sottolinea anche il fatto che non sia ancora stato predisposto il nuovo Piano Nazionale Infanzia, strumento che per legge dovrebbe essere stilato con cadenza biennale, la cui ultima edizione risale, però al 2011.

L'analisi della situazione italiana fa emergere che si è ben lontani dal raggiungimento degli obiettivi europei nelle politiche per l'infanzia: ad solo il 13,5% dei bambini ha accesso ai servizi per l'infanzia e agli asili nido, con opportunità ancora più ridotte nel Sud e nelle Isole. Per la prima volta, il Gruppo CRC ha dedicato un approfondimento trasversale alla condizione dei bambini nella fascia di età 0-3  anni, ribadendo l'importanza di investire in questi primi anni di vita al fine di garantire lo sviluppo cognitivo, emotivo e sociale dei bambini, con effetti che durano per tutto il corso della vita.

Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, nel corso del suo intervento alla Conferenza Stampa, si è impegnato ad identificare alcune raccomandazioni contenute nel Rapporto CRC e a verificare, tra un anno, la loro attuazione. Ha inoltre espresso il proprio apprezzamento nei confronti del lavoro di monitoraggio del Gruppo CRC, sottolineando l'importanza del Rapporto CRC per la pianificazione delle attività di Governo relative all'infanzia e all'adolescenza.

Approfondisci