SEI IN : BIB/DOC AREA STAMPA > Archivio articoli
ARCHIVIO ARTICOLI
Pubblicazione : 22/10/2015
Terzo forum sullo sviluppo locale
Dal 13 al 16 ottobre a Torino si è tenuto il terzo Forum Mondiale per lo Sviluppo Economico Locale. Con oltre 1800 partecipanti da 130 Paesi, ha visto confrontarsi rappresentanti di governi nazionali, sindaci associazioni, imprenditori, accademici ricercatori e rappresentanti della società civile.

Il Forum, che si è svolto tra il Summit di settembre a New York (nel quale è stata definita l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile) e la Conferenza Mondiale sul Clima che si terrà a Parigi del mese di dicembre, è stata un’occasione di dibattito sulle politiche da adottare in materia di sviluppo locale e ha delineato quali sono gli strumenti e le sinergie da adottare per raggiungere l’obiettivo di uno sviluppo sostenibile. Il dibattito che si è sviluppato in quest’occasione, ha riconosciuto lo sviluppo locale come approccio valido all’effettiva implementazione degli Obiettivi per lo sviluppo sostenibile contenuti nella già citata Agenda 2030 (Sustainable Development Goals SDGs a livello locale. Infatti, attraverso il dialogo e il coinvolgimento degli stakeholders, politiche verticali e orizzontali, strutture di pianificazione integrate, lo sviluppo locale conduce a risultati maggiormente inclusivi, equi e sostenibili dal punto di vista ambientale.

I partecipanti hanno collettivamente dichiarato di voler istituzionalizzare il Forum come strumento permanente di dialogo e di cooperazione tra i suoi membri, promuovendo la sinergia e la cooperazione nei e tra i territori e costruendo le capacità e le conoscenze per l’applicazione e il successo di progetti i sviluppo economico locale.

A chiudere il Forum è l’intervento del Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon che ha dichiarato: «I bisogni locali hanno una enorme rilevanza, esattamente come si sta affermando in questo Forum. I Global Goals realizzati localmente avranno impatto sul sistema mondiale. Abbiamo bisogno che i governi e le autorità locali vigilino. Non lasciate che le politiche siano solo parole, qualcosa che vale solo per gli altri: guidate i vostri cittadini dando l’esempio. Vi invito ad ascoltare le vostre comunità, a chiedere ai cittadini come vogliono che quegli obiettivi siano raggiunti, che forma vogliono dare al mondo: è necessario che i cittadini e le comunità locali contribuiscano alla nostra comune visione globale».

Approfondisci