ASCOLTO FRATERNO

Il contesto di emergenza in cui ci troviamo sta determinando una complessità di situazioni emotive inedite che richiedono particolari interventi di supporto.
Il disagio della reclusione forzata per contenere il contagio e l’incertezza di quel che sarà dopo la pandemia pesano maggiormente su coloro che devono affrontare il venir meno delle risorse finanziarie o la paura di perdere il lavoro. A queste fatiche si aggiungono la pena di essere separati dalle persone care e l’impossibilità di incontrare qualcuno con cui condividere la propria sofferenza.

Per queste ragioni, l’Arcidiocesi di Torino, con Caritas Diocesana e Ufficio di Pastorale della Salute, ha attivato un servizio di ascolto telematico mediante la casella di posta elettronica  ascoltofraterno@diocesi.torino.it.  

Alla casella dedicata possono scrivere tutti coloro che desiderano condividere le proprie fatiche e che cercano un conforto spirituale.

Il servizio si svolge in prima istanza mediante corrispondenza telematica, perché, in alcuni momenti della vita, scrivere a qualcuno che leggerà e risponderà aiuta più che parlare.
All’ascolto tramite e-mail potranno seguire colloqui telefonici.

A gestire il servizio è un’équipe composta da sacerdoti, religiose, diaconi permanenti e laici, a testimonianza di una Chiesa unita e vicina.

Il servizio sarà gestito nel rispetto e in osservanza della normativa vigente in materia di privacy.