SEI IN : BIB/DOC AREA STAMPA > Archivio articoli
ARCHIVIO ARTICOLI
Pubblicazione : 03/05/2016
Le sfide della povertà alimentare
Nel volume edito da Il Mulino e intitolato “Povertà alimentare in Italia, le risposte del secondo Welfare” Franca Maino, Chiara Lodi Rizzi e Roberto Bandera analizzano i dati relativi all’evoluzione della povertà alimentare in Europa (il fenomeno coinvolge l’11% della popolazione) e in Italia (dove il dato è superiore alla media UE: 12,6% su scala nazionale e 19% tra le famiglie numerose, con un aumento di oltre sei punti percentuali tra il 2006 e il 2014).

Oggi la povertà alimentare è la condizione di chi non si può permettere un pasto proteico ogni due giorni: in Italia accade a un quinto dei bambini che vivono in famiglie numerose.

Il volume contiene i risultati di una ricerca realizzata in concomitanza con Expo 2015 da Secondo Welfare, con la partecipazione del Comune di Milano e di alcune università italiane.

È necessario, sostengono gli Autori, incidere sul tenore di vita tramite una garanzia pubblica di risorse sufficienti, ma dal momento che questa strada in Italia non è ancora percorsa convintamente, si sono sviluppate altre risposte (i percorsi del secondo Welfare) che puntano su risorse e attori non pubblici. Sono le azioni del Banco Alimentare, gli empori solidali, ma anche i GAS (Gruppi di Acquisto solidale), le esperienze di agricoltura urbana e, in generale, tutte le politiche locali per il cibo.

Tutto questo, però, non basta ma sicuramente è a tutte le realtà che si sono impegnate per garantire risorse, accesso al cibo e dignità alle famiglie più vulnerabili che bisogna guardare per conoscere, capire e proporre soluzioni.

Fonte: Secondo Welfare

Approfondimento: Edizioni il Mulino